HOME

Benvenuto nel sito web dell’unità SAPR dell’Associazione Nazionale Carabinieri


Unità di Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri della Regione Piemonte per il monitoraggio del territorio e supporto per la ricerca di persone disperse.

Operiamo sul territorio piemontese regolarmente formati e brevettati, l’unità SAPR di Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri, è una delle poche associazioni in grado di fornire questo servizio e si mette a disposizione delle amministrazioni comunali. Vantiamo di essere una delle poche associazioni di volontariato in ambito di Protezione Civile ad avere piloti e droni certificati ENAC.

Notizie

ESERCITAZIONE FASTER

Nell’ambito del Progetto Europeo HORIZON 2020 – FASTER, che coinvolge la Protezione Civile della Regione Piemonte, il nostro personale ha partecipato, quale partner tecnico per …

Leggi di più  
Uscita ANC Unità Droni alla Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso in provincia di Torino

Video dimostrativo esercitazione

Leggi di più  
12/05/2020 Cannobio (VCO)

In data odierna l’unita è stata impegnata in Cannobio a supporto del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, per la ricerca in zone impervie di …

Leggi di più  

Sempre pronti a intervenire

NEW
Notizie, eventi del nostro lavoro, guarda più da vicino come lavoriamo.

Cosa facciamo?

L’utilità dell’Unità SAPR (Sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, comunemente chiamati droni),  è quella di “portare gli occhi” là dove è impossibile arrivare, in luoghi difficili da raggiungere o pericolosi. Molto importante sarà l’impiego in appoggio alle unità cinofile per la ricerca di persone scomparse o per il monitoraggio di fiumi e frane in collaborazione con i vari comuni che chiederanno l’appoggio dei droni.

Questi droni potrebbero essere messi a disposizione anche delle amministrazioni locali o le forze di polizia per individuare discariche abusive, documentare abusi ambientali ed edilizi. E’ molto importante affidarsi a chi conosce i “regolamenti dell’aria” per non rischiare sanzioni elevate e creare danni a chi passeggia tranquillamente “sotto i droni”.